Lunedì, 18 Febbraio 2013 08:15

Enpam, come andare in pensione con i nuovi parametri. Il vademecum dell’Ente In evidenza

Scritto da
  • dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font
  • Stampa
  • Email
Vota questo articolo
(1 Vota)

Ci sono novità per chi conta di andare in pensione nel 2013.

Sono infatti nuovi i requisiti per la pensione anticipata e per quella di vecchiaia e per i medici dipendenti e liberi professionisti (in basso potrai scaricare il vademecum completo dell’Enpam) PENSIONE DI VECCHIAIA Dal 1° gennaio di quest’anno è entrata in vigore la riforma previdenziale dell’Enpam. Se state pensando di andare in pensione nel 2013, potrete farlo a 65 anni e sei mesi. È necessario inoltre cessare l’attività professionale con il Servizio sanitario nazionale (e/o con gli enti non convenzionati con il Ssn, come per esempio l’Inps, l’Inail, le Ferrovie dello Stato, le Casse marittime e le Casse aziendali etc.). PENSIONE ANTICIPATA Resta comunque possibile andare in pensione prima del requisito di vecchiaia. I requisiti da maturare nel 2013 sono: età minima di 59 anni e sei mesi, 35 anni di contribuzione effettiva, riscattata e/o ricongiunta, almeno 30 anni di anzianità di laurea. Si può andare in pensione anticipata anche senza il requisito minimo di età: in questo caso però dovete avere 42 anni di contribuzione effettiva, riscattata e/o ricongiunta e, comunque, un’anzianità di laurea di almeno 30 anni. Anche nel caso del pensionamento anticipato, prima di fare domanda è necessario chiudere il rapporto professionale con il Servizio sanitario nazionale (e/o con gli enti non convenzionati con il Ssn). ISCRITTI PASSATI ALLA DIPENDENZA E LIBERI PROFESSIONISTI I nuovi requisiti per la pensione di vecchiaia e anticipata valgono anche per i medici e gli specialisti che sono passati dalla convenzione alla dipendenza e hanno mantenuto la contribuzione all’Enpam. Con la riforma dei regolamenti, la possibilità di andare in pensione anticipata è prevista anche per gli iscritti che esercitano la libera professione e versano i contributi alla Quota B del Fondo di previdenza generale. Per loro però non è necessario smettere di lavorare. PENSIONE DI QUOTA A La pensione anticipata è prevista per tutti i fondi dell’Enpam (libera professione, medicina generale, specialistica ambulatoriale). Fa eccezione solo la Quota A del fondo di previdenza generale a cui contribuiscono tutti i medici e gli odontoiatri iscritti all’Albo. Per chi versa alla Quota A sarà comunque possibile richiedere il pensionamento al 65° anno invece che a 65 anni e sei mesi, scegliendo, però, retroattivamente il metodo di calcolo contributivo definito dalla legge 335/95.

Letto 7910 volte Ultima modifica il Mercoledì, 08 Febbraio 2017 09:27
Creato e Gestito da Italian Solution